Progetti in reteScuola e formazioneRegistratiHome page

 

 







IMPIANTI

 

IndietroHome

L段nterruttore magnetotermico
(2/2)

3. La caratteristica di intervento tempo-corrente

L誕zione combinata dei due sganciatori determina l段ntervento dell段nterruttore in tempi che dipendono dalla sua caratteristica d段ntervento tempo-corrente. Se l段nterruttore e del tipo per impianti domestici e similari deve rispondere alla norma EN60898-1 (CEI 23-3/1). Si tratta di interruttori con correnti nominali fino a 125 A non regolabili (gli interruttori per uso industriale, rispondenti alla norma EN 60947-2 - CEI 17-5, solitamente prevedono la possibilit di regolare sia lo sganciatore termico sia quello magnetico) per i quali sono previste tre tipi di caratteristiche di intervento che si differenziano soprattutto per la corrente di intervento istantaneo (in commercio si possono trovare anche interruttori di tipo Z e K con curve di intervento variabili a seconda del costruttore):

  • tipo B;
  • tipoC;
  • tipoD.

La curva di tipo C (fig. 5) la pi utilizzata per circuiti ohmico induttivi con medie correnti di spunto, quella di tipo D (fig. 6) adatta alla protezione di carichi fortemente induttivi, per evitare che elevate correnti di inserzione possano determinare un intervento indesiderato dello sganciatore magnetico, mentre quella di tipo B (fig. 4) trova applicazione nella protezione di circuiti per i quali richiesto che il magnetico intervenga per basse correnti. Le caratteristiche di intervento caratterizzano il comportamento dell段nterruttore in presenza di una sovracorrente e forniscono i tempi di intervento in relazione alla corrente che lo attraversa. I valori minimi sono stabiliti dalla norma e sono forniti, sottoforma di curve, dal costruttore stesso.


Fig. 4 Caratteristica di intervento tipo B


Fig. 5 Caratteristica di intervento tipo C


Fig. 6 Caratteristica di intervento tipo D

 

Fine
01-11-2012

Inizio pagina

Prodotto da Elektro 2000

Diritti sul Copyright